Dipendenza cocaina, potrebbe essere colpa dei traumi infantili

Dipendenza cocaina, potrebbe essere colpa dei traumi infantili

La chiave che spiega questa relazione sarebbe un’alterazione del sistema immunitario, provocata da maltrattamenti emotivi in età precoce, in grado di modificarne il funzionamento. A sostenerlo uno studio dell’Irccs Santa Lucia su persone tossicodipendenti

IL SISTEMA immunitario va sul banco dei testimoni. Per uno studio – finanziato dal Ministero della Salute e appena pubblicato su Biological Psychiatry – sarebbe proprio lui il maggior candidato nello sviluppo della tossicodipendenza. Ma andiamo con ordine e capiamo come gli esperti sono arrivati a questa conclusione.

• MALTRATTAMENTI INFANTILI E SISTEMA IMMUNITARIO
I ricercatori della Fondazione Santa Lucia, in collaborazione con le Università di Roma Sapienza e Tor Vergata, hanno analizzato 40 persone in trattamento per un disturbo di dipendenza dalla cocaina, osservando che l’esposizione a questa sostanza aveva indotto un’alterazione nel funzionamento del sistema immunitario. Ma, sorprendentemente, questa condizione era particolarmente marcata in chi aveva subito abusi e maltrattamenti durante l’infanzia

“Il maltrattamento, soprattutto emotivo, provoca nel bambino uno stress capace di attivare una risposta infiammatoria abnorme e di alterare la maturazione del sistema immunitario con una modifica permanente del suo funzionamento. Dal momento che la cocaina si lega ai recettori Tlr4 del sistema immunitario per produrre i suoi effetti, questa particolare sensibilità del sistema immunitario – spiega Valeria Carola, ricercatrice del laboratorio di neurobiologia del comportamento dell’Irccs Santa Lucia e coordinatrice della ricerca – rende il soggetto più esposto al rischio di dipendenza e di ricadute durante l’astinenza. In più aumenta per il soggetto il rischio di malattie del sistema nervoso centrale indotte dall’abuso di sostanze, innanzitutto l’ictus”.

• ANCHE L’UMORE NE RISENTE
Abusi e maltrattamenti durante l’infanzia, dunque, giocano un ruolo importante nel definire alcuni aspetti dell’individuo adulto. “A lungo si è ipotizzata come causa prioritaria la predisposizione genetica dell’individuo, che lasciava poche speranze alla possibilità di recupero. Oggi – dicono i ricercatori – stiamo riscontrando sempre più il ruolo chiave dei fattori ambientali e relazionali che, attraverso meccanismi epigenetici, ovvero di modifica nella lettura del nostro Dna, sono in grado di alterare determinate funzioni dell’organismo”. (leggi tutto)

× Come possiamo aiutarti?