Festival della psicologia, “Il terrore spiegato ai bambini”

Festival della psicologia, “Il terrore spiegato ai bambini” Nel suo intervento alla tre giorni organizzata a Torino lo psicanalista Uberto Zuccardi ha scandagliato gli aspetti psicologici degli attentati nei più piccoli

IL TERRORE e i bambini. Ma soprattutto l’esposizione al terrorismo e l’impatto psichico nei ragazzi. Su questo si è concentrato lo psicanalista Uberto Zuccardi durante il suo dialogo con Elisabetta Biffi, domenica alla Cavallerizza Reale di Torino, nel terzo giorno del Festival della psicologiaorganizzato dal 6 all’8 aprile nel capoluogo piemontese. Un incontro intitolato “Io non ho paura” e dedicato quest’anno agli eventi terroristici e le sue ripercussioni sulla nostra psiche raccontati, affronti e spiegati da  psicologi, psicoanalisti, scrittori e filosofi italiani e stranieri. A loro è stato infatti affidato in compito di dar voce e confine alla catena emotiva che producono gli attentati. Un tema al quale sono stati dedicati conferenze, dialoghi e conversazioni (tutti gratuiti) “per provare a trovare insieme una chiave di lettura inedita e una possibile strada di comprensione, che vada oltre le spiegazioni politiche, economiche e storiche che sembrano oggi non bastare più”, come hanno spiegato gli organizzatori del festival. Il tutto con la direzione scientifica dello psicoanalista Massimo Recalcati.

• LE LORO REAZIONI 
Eventi che generano paura anche in bambini e ragazzi. Perché come spiega Zuccardi “gli attentati hanno cambiato l’approccio dei ragazzi alla vita di tutti i giorni, soprattutto nella loro idea di mobilità”.  E così i millennials, loro malgrado, sono diventati dice Zuccardi “la prima generazione dopo quella legata alla guerra mondiale a fare i conti con un’idea di libertà mutata, perché chi ha vissuto gli anni del terrorismo rosso e nero in Italia non si sentiva in alcun modo bersaglio, mentre i giovani di oggi sentono che chiunque, e dunque anche loro, possono esserlo o diventarlo per pura casualità”. (leggi tutto)

× Come possiamo aiutarti?