Via Simone Martini, 136

00142 - Roma

0690544890 - 3490501373

per info e appuntamenti

psicoattivamente@gmail.com

la mail sempre attiva

Centro di Psicologia e Psicoterapia

Ho deciso, vado dallo psicologo!

“Ho deciso, vado dallo psicologo”.

Quando si pronuncia questa affermazione, spesso frutto di profonde riflessioni, si sta facendo una scelta importante che quasi sempre è stata maturata nel tempo. Generalmente si tenta sempre di farcela da soli, come se chiedere aiuto fosse una resa, od un segno di debolezza.

 Chiedere aiuto per sé o per i propri familiari è, al contrario, una dimostrazione di coraggio e maturità. Ci sono dei momenti nella vita durante i quali si ha la sensazione di non farcela a superare le difficoltà, o a comprendere perché ci si trova incastrati sempre nelle stesse modalità, e prendere la decisione di rivolgersi ad uno psicologo può segnare una svolta importante, in quanto segnala che la persona vuole cambiare, o comprendere veramente come agire per poter stare meglio.

Spesso sono proprio le persone che hanno intrapreso un percorso terapeutico a consigliarla ad amici o familiari, perché è  attraverso l’esperienza personale che si può comprendere quanto la psicoterapia possa essere un’esperienza intensa ed importante.

A volte è la presenza di un sintomo a far prendere questa decisione; il sintomo infatti è un segnale di malessere e qualsiasi sia la sua entità, è sempre bene prenderlo in considerazione.

Altre volte ci si rivolge ad uno psicologo per farsi aiutare a comprendere perché non si riesce ad avere una vita sentimentale ed affettiva soddisfacente. O perché non si riesce proprio ad affrontare ed elaborare il lutto di una persona cara, o ad affrontare la propria o altrui malattia. O ad uscire da sentimenti di tristezza e frustrazione legati a problemi lavorativi. O perché ci si rende conto di non essere riusciti a risolvere antichi conflitti con i familiari.

Coloro che si rivolgono ad uno psicoterapeuta, infatti, non sempre portano sintomi ben precisi: in alcuni momenti della vita ci si può trovare in difficoltà per motivi legati alle fasi normali del proprio ciclo vitale: l’adolescenza, la nascita dei figli, difficoltà legate alla vita sentimentale o ad eventi straordinari come separazioni, lutti..

Altre volte sono difficoltà all’interno della coppia a suggerire di farsi aiutare da un “esperto”, a comprendere meglio che cosa sia successo o stia succedendo, perché le cose non funzionino più come prima.  Spesso, infatti, i partner si trovano incastrati in accuse reciproche rispetto a “di chi è la colpa”  del fatto che le cose non funzionano.

Passare dall’idea di colpa a quella di responsabilità è fondamentale perchè ques’ultima, al contrario della prima, permette una riparazione. Il senso di colpa immobilizza, non ci lascia via d’uscita, mentre riconoscere la propria quota di reponsabilità ci restituisce il potere di intervenire nella nostra vita.

Alcune coppie che iniziano una terapia rivelano di avere una sensazione di malessere che risale a molto tempo prima, ma che hanno cercato di minimizzare. Altre volte uno dei due accusa l’altro di non essersi accorto che le cose andavano male da tempo: in realtà la percezione del malessere può essere diverso nei due partners e ciò si concretizza nella difficoltà a chiedere aiuto.

Altre volte è un bambino, che attraverso il suo comportamento “problematico” mette in difficoltà i genitori e conduce la famiglia in terapia. Il bambino può manifestare il suo disagio in diversi modi: attraverso comportamenti aggressivi, disturbi d’ansia come varie forme di fobia, malattie psicosomatiche quali mal di pancia, mal di testa, o enuresi notturna, insonnia.. I genitori che, mossi dalla preoccupazione per il benessere del proprio figlio, si rivolgono ad uno psicologo per chiedere aiuto, possono trasformare la preoccupazione, l’impotenza ed il senso di colpa, spesso presente, in consapevolezza. Ciò permette di accedere a nuove risorse.

In ogni modo, chiedere un aiuto per poter stare meglio, non significa “essere malati”. L’immagine di chi si rivolge ad uno psicologo è molto cambiato negli ultimi anni, benché esista ancora una forma di resistenza rispetto all’utilità della psicologia e della psicoterapia.

Lo psicologo non è colui che viene “delegato” a curare o a guarire, ma è attraverso il lavoro congiunto, con un obiettivo comune che la persona può trovare dentro di sé delle risorse che da sola faceva fatica a riconoscere.

Silvia Sossi

I SABATI PSICOATTIVI

CORSI DI TRAINING AUTOGENO

FORMAZIONE

× Come possiamo aiutarti?