LA CREATIVITÀ COME STRUMENTO DI CAMBIAMENTO. ALLENARSI ALLA DIVERGENZA CI MANTIENE VITALI

LA CREATIVITÀ COME STRUMENTO DI CAMBIAMENTO. ALLENARSI ALLA DIVERGENZA CI MANTIENE VITALI

Si racconta che il poeta Rainer Maria Rilke fosse refrattario ad affrontare un percorso di psicoanalisi per il timore di perdere, insieme alla sua nevrosi, anche la fonte della sua ispirazione letteraria.

Croce e delizia di chi si approccia alla psicologia è la possibilità di doversi confrontare con quel processo di modificazione della singolarità che potremmo definire “normalizzazione”. “Non sono normale”, o “ho paura di non essere normale” è qualcosa che uno psicologo si sente dire di frequente. Questo riferito scarto dalla normalità viene vissuto come un elemento di sofferenza e l’aspettativa di un percorso psicologico, almeno a un livello cosciente e volontario, è spesso quello di sconfiggere un sintomo che viene vissuto come un intralcio disfunzionale alla propria vita.

Il fantasma della “normalizzazione” è però anche una delle principali resistenze all’esplorazione psichica. C’è il timore che sotto lo sguardo incalzante e indagatore dell’altro si possa smarrire quella scintilla di assoluta singolarità, condita di bizzarrie e stranezze, che caratterizza la propria più profonda ed essenziale natura, e che la psicologia assomigli ad un intervento di bonifica che lascerà il campo forse più ordinato ma meno fecondo. Si ha paura che lo psicologo possa condizionare.

Di fatto, la psicologia è sempre stata interessata alla diversità, allo scarto, all’insolito: in una parola alla creatività. E sono moltissime le ricerche e le teorie dedicate al pensiero creativo e alla personalità creativa.

La creatività è essenzialmente legata ad un modo non ordinario di procedere.

Jung distingueva due forme del pensare: uno logico, razionale, direzionato, analitico, convergente, apollineo; l’altro evocativo, intuitivo, sintetico, divergente, dionisiaco.

Intorno agli anni ‘70, oltre a studi specialistici sul tema, una grande eco ha avuto il costrutto del “pensiero laterale”, sviluppato da Edward De Bono. Anche in tempi recenti sono fioriti studi di neurologia e neuropsicologia dedicati alla specializzazione emisferica e al pensiero creativo.

Il lascito di Steve Jobs, “Stay hungry, stay foolish” (letteralmente “Restate affamati, restate folli”) è un invito alla curiosità, alla divergenza, all’impulso alla ricerca di nuovi orizzonti, di modi ulteriori.

Se c’è qualcosa di rassicurante nell’essere sazi e nella comodità, è anche vero che difficilmente le idee migliori germinano da procedure consolidate. La vera innovazione pesca nell’ignoto, e anche se ne possono essere note le premesse, sono nuove e insolite le connessioni che si costruiscono a partire da quel territorio. (leggi tutto)

× Come possiamo aiutarti?