Via Simone Martini, 136

00142 - Roma

0690544890 - 3490501373

per info e appuntamenti

psicoattivamente@gmail.com

la mail sempre attiva

Centro di Psicologia e Psicoterapia

La crisi economica? Colpa di manager (e politici) psicopatici

Di Elisabetta Ambrosi
 

Isabella Merzagora, Guido Travaini, Ambrogio Pennati (una psicologa, un giurista, uno psichiatra esperti di criminologia), hanno dato alle stampe un libro dal titolo che già dice molto:Colpevoli della crisi? Psicologia e psicopatologia del criminale del colletto bianco (Franco Angeli). Secondo gli autori, una delle ragioni della crisi risiederebbe nel fatto che ai vertici di molte grandi aziende, e in particolare quelle finanziarie, vi fossero persone egocentriche, prive di capacità empatiche e di identificazione negli altri, spregiudicate, manipolatorie, machiavelliche, incapaci di rimorso, narcisiste, menzognere: in pratica veri e propri psicopatici.

Gli autori riprendono una definizione di Edwin Sutherland, criminologo statunitense del secolo scorso, e parlano di White Collar Crimes, crimini commessi dai colletti bianchi, un ambito vastissimo che spazia dalla corruzione ai reati commerciali, dalle frodi commerciali, alle truffe delle assicurazioni, dalle bancarotte fraudolente alle frodi in ambito sanitario. Non vi è inclusa la mafia, “anche se all’interno delle organizzazioni mafiose ci sono professionisti necessari a curare gli aspetti economici e giudiziari dei mafiosi”, però l’attività mafiosa viene considerata nello studio come una criminalità di tipo tradizionale, diversa da quella finanziaria dei colletti bianchi. Quest’ultima è propria di dirigenti e manager, e ovviamente anche di politici visti i reati di corruzione e concussione.

MACHIAVELLI IN AZIENDA

Ma quali sono le caratteristiche dei criminali finanziari che portano al disastro le aziende e in certi casi lo Stato? Difficile elencarli tutti: gli autori parlano anzitutto della cosiddetta Triade Oscura, cioè il narcisismo, la psicopatia, il machiavellismo (l’idea che il fine giustifichi i mezzi e che si possano utilizzare gli altri come strumenti per raggiungere i propri scopi). Altri, e altrettanto salienti, aspetti sono l’assenza di rimorso, la freddezza emotiva, l’egocentrismo, la manipolazione, la mancanza di empatia (il non sapersi identificare nelle sofferenze altrui). Ma ci sono anche un atteggiamento interessato al qui e ora, l’instabilità nei rapporti sentimentali, l’indifferenza, la tendenza alla gratificazione immediata, la scarsa tolleranza alle frustrazioni, la prepotenza, la paura dell’insuccesso, la mancanza di coscienza sociale, l’irresponsabilità, ma anche insicurezza e ansia, ancora la disonestà, l’impulsività, l’incapacità di pianificare, un anticonformismo ribelle, l’esternalizzazione della colpa. (leggi tutto)

I SABATI PSICOATTIVI

CORSI DI TRAINING AUTOGENO

FORMAZIONE

× Come possiamo aiutarti?