Usare cannabis a scopo terapeutico non aumenta il suo consumo fra gli adolescenti”

Usare cannabis a scopo terapeutico non aumenta il suo consumo fra gli adolescenti” A sostenerlo una vasta ricerca statunitense che ha studiato se la legalizzazione della marijuana ad uso medico in 29 stati Usa

LA LEGALIZZAZIONE e la diffusione della cannabis ad uso medico non hanno fatto aumentare il consumo della marijuana a scopo ricreativo fra gli adolescenti. A sostenerlo uno studio guidato dalla Columbia University di New York, che smonta una fra le principali argomentazioni degli oppositori dell’uso medico della cannabis. I risultati sono stati pubblicati su Addiction.

Negli Usa, 29 stati hanno legalizzato la cannabis medica (la California per prima, nel 1996). Fra le principali argomentazioni di chi era ed è contrario a questa legalizzazione vi è l’idea che la diffusione legale di marijuana per trattare patologie possa avere come effetto collaterale quello di un aumento del consumo fra gli adolescenti, l’età in cui più frequentemente si inizia a farne uso. E questo tema è diventato un focus del dibattito pubblico americano a partire dal 1996. Per capire se i timori degli oppositori erano fondati, i ricercatori di New York hanno svolto una revisione, ovvero una meta-analisi, su un vasto campione di studi condotti su adolescenti fino al 2014. In base ai risultati, nessuno degli undici studi, selezionati dai ricercatori a partire da circa 3000 ricerche sul tema, ha rilevato una variazione significativa – dunque né un aumento né un calo – nei consumi di cannabis fra gli adolescenti dopo l’entrata in vigore delle leggi che l’hanno legalizzata per uso medico. (leggi tutto)