0690544890 - 3490501373

per info e appuntamenti

psicoattivamente@gmail.com

la mail sempre attiva

Centro di Psicologia e Psicoterapia

Uso di cannabis e depressione: una «relazione pericolosa»

L’uso di cannabis da parte dei giovani, soprattutto, è aumentato negli ultimi anni. La convinzione è che possa calmare l’ansia ed aiutare ad avere un miglior tono dell’umore. Secondo una ricerca pubblicata su JAMA Network Open e riportata dal Corriere della Sera, la cannabis può invece peggiorare i sintomi depressivi ma poiché la convinzione è che possa invece essere d’aiuto, fra i pazienti con depressione il tasso di utilizzo di prodotti derivati dalla cannabis è molto elevato, con effetti negativi.

di Elena Meli

L’’utilizzo assiduo di cannabis continua ad aumentare fra chi ha disturbi dell’umore, come forma di «automedicazione», e questo nonostante possa peggiorare i sintomi credono che la cannabis faccia bene all’umore, favorisca il relax, sia utile in generale per il benessere mentale. È falso e per esempio può peggiorare i sintomi della depressione, che invece è una fra le condizioni più spesso associate alla scelta di consumarla. Al punto che oggi c’è una gran quantità di depressi che non disdegnano uno spinello, almeno negli Stati Uniti: lo segnala una ricerca pubblicata su JAMA Network Open secondo cui fra i pazienti con depressione il tasso di utilizzo di prodotti derivati dalla cannabis negli ultimi anni si è letteralmente impennato. (leggi tutto)